Unioni civili, le regole definitive. Ecco come funzionano

Anelli-Arcobaleno

 

di Vittoria Patanè

Meglio tardi che mai. Il ministro degli Interni Angelino Alfano ha firmato (in ritardo rispetto alla scadenza del 5 luglio) il decreto ponte che consentirà di celebrare e rendere operative le Unioni Civili. Il provvedimento predisposto dalla Presidenza del Consiglio, che contiene le regole che permettono agli ufficiali civili di applicare la legge Cirinnà, è stato trasmesso al Consiglio di Stato che avrà il compito di esaminarlo. Nel caso in cui tutto andasse per il verso giusto, a partire dalla metà di agosto arriveranno le prime trascrizioni e dunque le prime Unioni Civili tra persone dello stesso sesso.

Prima di entrare nel merito delle singole norme, occorre evidenziare una cosa. All’interno del decreto si specifica infatti che sindaci e funzionari non potranno appellarsi all’obiezione di coscienza. Quest’ultima semplicemente non è ammessa e non è contemplata per le unioni civili, differentemente da quanto accade per l’interruzione di gravidanza o per la leva. Nel caso in cui un ufficiale di stato civile dovesse rifiutarsi di unire civilmente una coppia dunque potrebbe incorrere in un’accusa di omissione o rifiuto di atti d’ufficio, un reato previsto dall’articolo 328 del codice penale. A futura memoria citiamo cosa stabilisce: “Il pubblico ufficiale o l’incaricato di un pubblico servizio, che indebitamente rifiuta un atto del suo ufficio che, per ragioni di giustizia o di sicurezza pubblica, o di ordine pubblico o di igiene e sanità, deve essere compiuto senza ritardo, è punito con la reclusione da sei mesi a due anni. Fuori dei casi previsti dal primo comma, il pubblico ufficiale o l’incaricato di un pubblico servizio, che entro trenta giorni dalla richiesta di chi vi abbia interesse non compie l’atto del suo ufficio e non risponde per esporre le ragioni del ritardo, è punito con la reclusione fino ad un anno o con la multa fino a milletrentadue euro. Tale richiesta deve essere redatta in forma scritta ed il termine di trenta giorni decorre dalla ricezione della richiesta stessa.”

Ma cosa deve fare una coppia che vuole unirsi civilmente in base alla legge Cirinnà? Ecco le istruzioni definitive.

Unioni Civili: la richiesta e i controlli

In base a quanto previsto dal decreto, due persone maggiorenni dello stesso sesso che vogliono costituire un’unione civile devono presentare richiesta congiunta all’ufficiale di Stato Civile del Come di riferimento. All’interno della richiesta ognuno dei partner dovrà inserire una serie di informazioni:

  • il nome e il cognome,
  • la data e il luogo di nascita;
  • la cittadinanza;
  • il luogo di residenza;
  • l’insussistenza delle cause impeditive alla costituzione dell’unione.

In base alla legge, sono considerate cause impeditive: la sussistenza di un vincolo matrimoniale o di un’altra unione civile, l’interdizione di una delle parti per infermità mentale, “la sussistenza tra le parti dei rapporti di cui all’articolo 87” (legami di parentela, ndr.); la condanna definitiva di uno dei due partner per omicidio consumato o tentato nei confronti di chi sia coniugato o unito civilmente con l’altra parte.

Una volta verificata l’assenza delle cause impeditive, l’ufficiale dello stato civile, verificati i presupposti di cui comma 1, redige immediatamente “processo verbale della richiesta e lo sottoscrive unitamente alle parti”. Secondo quanto stabilito dall’articolo 2, questi controlli dovranno essere effettuati «entro quindici giorni dalla presentazione della richiesta».

A questo punto la coppia sarà invitata a presentarsi al suo cospetto in una data precisa, indicata dai partner, allo scopo di rendere congiuntamente la dichiarazione costitutiva dell’unione, vale a dire di unirsi civilmente.

Unioni Civili: come si costituiscono

L’articolo 3 del decreto è forse il più importante. Al suo interno sono contenute le regole relative alla cerimonia e alla registrazione degli atti nell’archivio di Stato Civile.

Come detto in precedenza, la coppia dovrà presentarsi nel giorno precedentemente concordato e, alla presenza di due testimoni, dovrà dichiarare davanti all’ufficiale di Stato Civile di voler costituire un’Unione Civile.

Una volta ricevuta la dichiarazione, il funzionario pubblico redigerà un verbale, sottoscritto anche dai partner e dai testimoni, cui allegherà anche la richiesta.

Una volta fatto, si provvederà alla registrazione degli atti, “eseguita mediante iscrizione nel registro provvisorio delle unioni civili” e tramite l’annotazione nell’atto di nascita di ognuna dell parti (il Comune di nascita riceverà copia della trascrizione).

All’interno della dichiarazione i coniugi dovranno anche indicare la scelta relativa al regime patrimoniale (comunione o separazione de beni).

All’articolo 7 si stabilisce che l’ufficiale di Stato Civile rilascerà inoltre il «documento attestante la costituzione dell’unione, recante i dati anagrafici delle parti, l’indicazione del regime patrimoniale e della residenza, oltre ai dati anagrafici ed alla residenza dei testimoni. Nei documenti e atti in cui è prevista l’indicazione dello stato civile, per le parti dell’unione civile sono riportate, a richiesta degli interessati, le seguenti formule: “unito civilmente” o “unita civilmente”».

Unioni Civili: il cognome

Le coppie unite civilmente, a differenza di quanto accade per le coppie unite in matrimonio, «possono indicare il cognome comune che hanno stabilito di assumere per l’intera durata dell’unione. La parte può dichiarare all’ufficiale di stato civile di voler anteporre o posporre il proprio cognome, se diverso, a quello comune»

Unioni Civili: cambio di sesso

Nel caso in cui uno dei due partner di una coppia unita civilmente cambi sesso dopo la costituzione del matrimonio, per non determinarne lo scioglimento, perdendo parallelamente gli effetti civili dell’istituto, devono rendere personalmente “apposita dichiarazione congiunta all’ufficiale dello stato civile del comune nel quale fu iscritto o trascritto l’atto di matrimonio».

Unioni Civili: lo scioglimento

Leggi tutto | QUI

Fonte | International Business Time