RICA’TTE KANJI, STORIA SEMPLICE DI UNA LESBICA GIAPPONESE

Esce con Renbooks “Rica’tte Kanji?! – Una novellina a Tokyo”, storia autobiografica della fumettista Rica Takashima che racconta, in modo semplice e pulito la storia della giovane lesbica giapponese.

Spesso si tende a dimenticare che il fumetto è un linguaggio, e in quanto tale il suo valore non sta nei bei disegni o nel linguaggio ricercato, ma nella sua capacità di comunicare con il lettore. Sicuramente avere dei disegni impeccabili può rendere tutto più gradevole all’occhio, ma non bisogna dimenticare che un fumetto riuscito non è tanto quello che ha dei disegni fantastici, ma quello che ha uno stile funzionale alla storia che vuole raccontare e – ovviamente – una bella storia da convertire in vignette e nuvolette. Per questo sarebbe sbagliatissimo liquidare un fumetto che – al primo impatto – sembra fatto giusto per riempire delle pagine bianche, perchè si rischierebbe di perdere l’opportunità di scoprire una piccola perla come Rica’tte Kanji?! – Una novellina a Tokyo, il bel romanzo semiautobiografico di Rica Takashima, recentemente pubblicato in italiano da Renbooks.

Infatti lo stile utilizzato dall’autrice, che peraltro è un’illustratrice che ha esposto anche a Parigi, Hong Kong e Mosca, è volutamente elementare e sintetico, e proprio per questo molto diretto ed efficace per raccontare un’esperienza di vita che vuole essere comunicata nel modo più trasparente e immediato possibile. Rica, la protagonista della storia, è una ragazza nata e cresciuta nella provincia giapponese, che negli anni ’90 decide di iniziare gli studi di assistente all’infanzia all’Università di Tokyo, anche per avere l’occasione di poter vivere in maniera più completa la propria omosessualità. Infatti Rica ha preso coscienza molto in fretta di essere lesbica, e anche se la sua famiglia non glielo ha mai fatto pesare, si è resa conto che la vita di provincia non le può dare  quello di cui ha bisogno. Una storia comune a tanti omosessuali in tante parti del mondo, tuttavia Rica è una ragazza che alla voglia di emancipazione aggiunge una grande dolcezza, un candore disarmante e una buona dose di ingenuità.

Articolo completo | QUI

Fonte | gay.it

.