YOUR HOLIDAY MOM | GENITORI VIRTUALI PER NATALE

 

Pasqua con chi vuoi Natale con i tuoi. Vale in Italia, come negli USA. Ma cosa succede se arriva Natale, tutti davanti alla tavola imbandita e i tuoi non accettano la tua omosessualità? Niente di bello, anzi. Se ti senti solo e hai voglia di vivere lo spirito natalizio, però, puoi rivolgerti ad una “madre” virtuale. Messa giù così sembra piuttosto brutale, ma quando ho letto di Your Holiday Mom è stata la prima cosa che ho pensato. Your Holiday Mom è un progetto di genitori che sostengono la comunità glbt. Molti di questi hanno avuto dei figli che si sono suicidati proprio per “colpa” della loro diversità, e allora hanno deciso di diventare genitori virtuali che accettano e celebrano tutte le persone glbt che si sentono emarginati in famiglia.

L’intento è senza dubbio nobile, e sono convinta potrà aiutare tante persone (soprattutto i più giovani) a sentirsi meno “soli”, come dice la voce narrante del video: “che da qualche parte nel mondo c’è una mamma che celebra la tua omosessualità”.

Ma proprio questo motivo, il progetto (permeato da un certo buonismo a stelle e strisce) mi sembra un po’ forzato. Perché se gli amici possiamo sceglierli, e nell’era dei social network non importa se abitano sotto casa, oppure dall’altra parte dell’oceano, i genitori proprio no, nel bene e nel male, non possiamo cambiarli. E sapere che da qualche parte nel mondo c’è un genitore che celebra la tua omosessualità, mentre i tuoi ti ripudiano, rischia di farti sentire ancora più solo di quanto non lo sia già. Per quanto possa essere “consolatorio” rivolgermi altrove, alla fine i conti li devo fare con la mia di famiglia e non quella di qualcun altro.

Articolo completo | QUI

Fonte | lezpop.it