IN POCHE PAROLE, L’OMOFOBIA É… [video]

video-lomofobia1

Non servono troppe parole per raccontare questo video, realizzato da Serenella De Gioia per il manuale Di che genere sei? Prevenire il bullismo sessista e omotransfobico, edito da La Meridiana. Con una semplice matita vengono illustrati, nella maniera più diretta possibile, i casi di omofobia più frequenti. Che non sono gli insulti, o le botte, ma i luoghi comuni – quando sei donna e non ti piacciono le gonne -, le battute dette anche involontariamente – quando ti chiamano “ricchione” se non segni un gol -, le barzellette sui gay, e la mancanza di diritti – l’omofobia è… quando la genitorialità è un privilegio.