LE GABBIE. STORIA DI UNA TRANSESSUALE CATANESE

Le Gabbie è un romanzo che trae spunto dalla vera storia  di una transessuale catanese, di sembianze pienamente femminili e di rara bellezza, per parlare delle gabbie della mente.

Le gabbie sono viste in chiave psico-matematica. Si tratta di un inedito modo di spiegare i condizionamenti mentali, sia da un punto di vista psicologico che sociologico.

Il racconto è un intrigante spaccato di vita intriso di contraddizioni, di passione, di amore, di morte e di speranza che non mancherà di sorprendervi e di coinvolgervi.

 

Presentazione dell’autore:

Non respingere i sogni perché sono sogni.
Tutti i sogni possono
essere realtà, se il sogno non finisce.
La realtà è un sogno.

Inizio citando questi versi di Pedro Salinas (Non respingere i sogni) perché mi pare riassumano bene il senso del mio romanzo. La realtà che è sogno e il sogno che è realtà:

  • La realtà di Andrea, che è una donna nata maschio.

  • Il sogno di Andrea di essere Sofia, cosa che la società non accetta.

Viene spontaneo chiedersi qual è il sogno e qual è la realtà. O è un incubo?! Un incubo che gli psicologi chiamano disforia di genere (Gender Identity Disorder). Non è una malattia, non è legato ai gusti sessuali, non è omosessualità. È lo stato mentale di chi avverte il proprio sesso come diverso da quello biologico.
Che non si tratti di un disturbo della sessualità, ma di genere, è confermato da vari studi sull’argomento ed è recente (20 febbraio 2012) la notizia di una transessuale inglese che ha solo cinque anni.
Sorge spontaneo chiedersi come si comporta chi è affetto da disforia di genere (mi si passi il termine “affetto”, visto che non si tratta di una malattia). Per comprenderlo, riporto una frase detta a conclusione di un celebre monologo della transessuale Agrado nel film di Pedro Almodovar “Tutto su mia madre”. Agrado, parlando della sua autenticità, dice:

Una è più autentica quanto più assomiglia all’idea che ha sognato di se stessa”.

Articolo completo | QUI

Fonte | etlimoli.xoom.it