BERLUSCONI: PAROLE, PAROLE, PAROLE…

berlusconi

Che Berlusconi si dica finalmente favorevole all’equiparazione delle coppie di fatto omosessuali con le coppie sposate ci sembra un segnale positivo di cambiamento della politica – anche la più triviale e bigotta – che ormai non può più continuare a negare i cambiamenti che sono intervenuti nella società”.

Così Andrea Maccarrone, presidente del Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli, ha commentato l’intervista rilasciata oggi dall’ex premier ad RTL durante la quale Berlusconi si è detto favorevole alla equiparazione tra coppie sposate e coppie di fatto etero e omosessuali.

Una presa di posizione tardiva e dal tempismo sospetto che non cambia le nostre rivendicazioni in merito al matrimonio egualitario e  non cancella gli insulti alle persone omosessuali.  Ricordiamo che Berlusconi è leader dello stesso PDL che nel corso di questa legislatura ha  affossato per ben 3 volte una ben più banale legge contro omofobia e transfobia, e che, nei suoi anni di governo, ha approvato alcune delle leggi più liberticide mai viste nell’Italia repubblicana, come la legge 40 sulla procreazione assistita e la Bossi-Fini sull’immigrazione. Se alle parole seguiranno i fatti saremo i primi a registrarli con favore, fino ad allora ci si consenta il beneficio del dubbio e il chiarimento che siamo sempre pronti ad accogliere segnali positivi di progresso sul fronte dei diritti civili da qualsiasi parte provengono, ma non accetteremo di essere fatti carne da macello preelettorale da parte di chi ha negli anni dimostrato disprezzo, indifferenza o noncuranza per la nostra dignità e le nostre richieste e, soprattutto, in assenza di una cultura dei diritti coerente, laica ed inclusiva.

Articolo completo | QUI

Fonte | mariomieli.net