Siracusa – Il 9 marzo Stonewall e Siracusa Città Educativa per “EDUCARE ALLE DIFFERENZE”

educare alle differenze siracusa 2017

 

EDUCARE ALLE DIFFERENZE” si chiama così il network nazionale fondato dalle associazioni: S.C.O.S.S.E di Roma, STONEWALL di Siracusa e IL PROGETTO ALICE di Bologna, del quale fanno parte, ormai, quasi 300 tra associazioni, cooperative, ONLUS, scuole di ogni ordine e grado, gruppi informali di insegnanti, organi istituzionali e organizzazioni sociali e culturali, che condividono la convinzione che l’educazione al rispetto di tutte le differenze (di genere, orientamento sessuale, di abilità, di religione, di cultura, di lingua, di provenienza geografica ) debba essere un elemento imprescindibile della scuola pubblica e laica.
A tal fine, attraverso i tre meeting nazionali di“Educare alle Differenze”, svoltisi a Roma nel 2014 e nel 2015 e a Bologna nel 2016, insegnanti, attivisti/e, operatrici del privato sociale, educatori, psicologhe, editrici e ricercatori hanno lavorato insieme, condividendo strumenti di lavoro, buone pratiche e metodologie didattiche, convinti che la formazione e la corretta informazione siano strumenti imprescindibili per perseguire e ottenere le sopracitate finalità.
Ciò premesso, per annunciare che anche “Siracusa Città Educativa” con “l’Assessorato alla Pubblica Istruzione – Officina Educativa– Sport – Politiche di Genere” ha aderito al network nazionale di e per “EDUCARE ALLE DIFFERENZE” sottoscrivendo formalmente un “Impegno degli Enti Locali per Educare alle differenze, dentro e fuori la scuola” con il quale gli enti aderenti si impegnano tra l’altro:
1) a prevedere lo stanziamento di risorse al momento della redazione dei bilanci preventivi 2017:
a) per la promozione di progetti rivolti alle famiglie, per aiutare l’emergere di una consapevolezza delle problematiche attuali e del peso che esercitano i modelli culturali, mediatici e commerciali nella formazione delle identità di bambine/i e ragazze/i;

b) per l’attivazione, all’interno delle scuole di competenza comunale, di corsi di aggiornamento professionali rivolti a educatrici/educatori e insegnanti di asili nido e scuole dell’infanzia, per promuovere l’inserimento di un approccio di genere nella pratica educativa, sia sotto il profilo teorico sia sotto il profilo operativo e didattico, per fornire strumenti e conoscenze in merito alla costruzione delle identità di genere e alla prevenzione delle discriminazioni culturali;

c) per l’apertura di ludoteche, spazi di gioco e attività di lettura liberi da stereotipi e da rappresentazioni che favoriscono la formazione di ruoli subalterni e logiche discriminanti.
2) a elaborare e sviluppare, tramite gli assessorati competenti, progettualità in collaborazione con la rete di Educare alle Differenze, da attivare in questo e nel prossimo anno, per supplire alle carenze formative strutturali del sistema scolastico in merito all’educazione sentimentale e alla valorizzazione delle differenze.
3) a promuovere, nel corso del prossimo anno, con tutti gli Enti Locali che hanno sottoscritto questa lettera di intenti, un appuntamento di studio e approfondimento, al fine di contribuire alla diffusione di buone pratiche sull’educazione alle differenze nelle scuole di ogni ordine e grado.
Da tutto questo è motivato l’incontro che si terrà il 9 marzo alle ore 15,00 c/o l’aula magna dell’I.C. Santa Lucia, non solo per illustrare a dirigenti scolastici e docenti presenti l’importanza del fare rete in quello che è il difficile compito di rendere la scuola davvero libera da qualsiasi tipo di stereotipo o pregiudizio e davvero inclusiva per tutte e tutti (nessuno escluso), ma soprattutto per cominciare a raccogliere idee, progettualità e proposte per rendere tutto questo concreto e reale e perché no, per invitare tutto il personale dirigente e docente a partecipare alla quarta edizione di e per “EDUCARE ALLE DIFFERENZE” che si terrà nuovamente a Roma nel mese di settembre.